Relazioni & precarietà, a rigor di logica

prec

Spesso vengo rimproverata di ragionare troppo in teoria, perdendo così il reale impatto che le mie idee hanno nella realtà di tutti i giorni. Mi è capitato recentemente con un amico che, al sentirsi esporre alcuni concetti “tecnici” (così pare) e fondamentali della lotta femminista, s’è messo a ridere per l’espressione “precarietà affettiva”. Mi fa: ma che c’entra?

Sì, che c’entra la precarietà? Perché il femminismo dovrebbe interessarsi alla precarietà lavorativa, quindi sociale, quindi affettiva? È una domanda, questa, che molt* femminist* non riescono a integrare all’interno della loro visione d’insieme perché rischierebbe d'”allargare troppo il raggio d’azione”.

E allora eccomi qui a puntare i piedi su un concetto che dovrebbe essere imprescindibile, perché precari* ai giorni nostri lo siamo (quasi) tutt* e il femminismo, per come lo intendo io, dovrebbe preoccuparsi di tutte le ingiustizie sociali, comprese quelle causate dal divario di reddito. Ma c’è di più: la precarietà plasma lentamente ma irrimediabilmente le relazioni affettive. E ve la butto lì senza tanti giri di parole, né teorie. Solo fatti precari di una generazione precaria.

Se sei precari* potresti ritrovarti ancora a casa dei tuoi, in quella particolare fascia d’età per cui la società ti designa come adult*. Addio privacy, addio possibilità d’intrattenerti con chi ti pare e piace, dove e quando vuoi. Ti ritroverai, tuo malgrado, frustrat* dalla situazione, il che non farà bene né a te né ai tuoi. Se sei precari* potresti ritrovarti col/la partner a condividere i vostri spazi vitali con altre persone, perché altrimenti l’affitto non lo riesci a pagare.

Se sei precari* che fa lavori tanto precari potresti dover rinunciare a molte attività di svago perché questo mese hai la pagnotta, ma il prossimo chissà. Se sei precari* non potrai avere una vita sociale tanto attiva quanto vorresti. Vorresti poter uscire più spesso con gli/le amic* e concederti qualche lusso in più ma poi te ne pentiresti nei momenti di difficoltà.

Se sei precari* che fa lavori tanto precari sei già abituat* a essere global, talmente global che per far valere i tuoi diritti e le tue qualifiche potresti doverti spostare per mezza Europa o anche più in là. Come reagirà il/la partner?

Se sei precari* che fa lavori tanto precari prendi in considerazione la relazione a distanza che, se proprio vogliamo puntualizzare, già esisteva ai tempi di guerra ma in forma del tutto provvisoria e vissuta come un trauma. Ora questa forma è una relazione a tutti gli effetti, un modus vivendi, più comune di quello che sembra perché, quando si torna a casa stanch* mort* e magari frustrat* dalla giornata, ci si ritrova distant* anche nell’affetto della persona con cui dormiamo la notte.

Se sei precari* ti si rizzano i capelli a parlare di futuro e progetti insieme perché la tua mente è impostata, per sopravvivere, su progetti a breve termine, esattamente come il turno orari settimanale o il tuo contratto di lavoro (se ce l’hai!). Ciò che supera l’anno ti è ignoto e ostile e fingi che non esista.

Se sei precari* ti sentirai insicur* e indecis* nelle relazioni per un altro po’, che almeno in campo sentimentale e sessuale t’è concesso procrastinare, anche se fino ad una certa età (così impone la società, poi non garantisco nulla). In fondo sei ancora giovan*, poco importa il confronto con le altre generazioni. Meglio non parlarne perché

…C’è ancora tempo, ancora tanto tempo per essere precari*.

P.S: Non dimenticatevi di pagargli la decima o anche questo mese straordinari gratis!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...